Metodo antistress del prof. Bottin

Padova: Le nuove cabine del prof. Bottin:
Il “Metodo antistress del prof. Bottin” prevede sedute di 20 – 25 minuti, una vacanza per la mente, inondati di energia vibrazionale e proiettati in altre dimensioni dove ritrovare il proprio vero sé in equilibrio armonico.

undefined foto: scorcio di cabina “Metodo del prof. Bottin”

Solo su appuntamento. Tel. 347 4292773.

Metodo del prof. Bottin

Tecnologia proprietaria VIBRONIKA

Metodologia derivata dalla disciplina VIBRONIKA

Chi è l’operatore VIBRONIKA.

  • Yoga, Metodo del prof. Bottin

    23 gennaio 2020 di

    Quando intendevo costruire uno spazio mentale per praticare lo Yoga lo intendevo definito anche come spazio corporeo dal punto di vista sensoriale. Volevo creare una bolla fisica, sonora e vibratoria. Per facilitare gli stati meditativi, ho creato il sistema Quantum, una bolla isolata termoacusticamente dove è possibile interagire con opportuni sistemi di azione e controllo… Leggi altro

  • Il Programma di Arricchimento Emo-Cognitivo di Pier Paolo Bottin.

    19 novembre 2019 di

    Cos’è il PAEC? È il Programma di arricchimento emo-cognitivo di Pier Paolo Bottin. È un programma di sviluppo e integrazione dell’intelligenza emotiva.  Qual è l’obbiettivo del PAEC? L’obiettivo principale è quello di accrescere la capacità individuali di accedere ai propri stati emotivi, imparare a comprenderli e riconoscerne i propri stati fisiologici corrispondenti e quanto questi… Leggi altro

  • La questione olistica: quando le discipline pretendono di rappresentare il tutto con una parte.

    12 novembre 2019 di

    La teoria biologica generale derivata dal vitalismo degli anni ’20 secondo la quale le manifestazioni biologiche devono venire interpretate partendo dalla base delle interdipendenze e interrelazioni funzionali delle parti che compongono l’individuo, si chiama Olismo. Olistico è dunque ciò che riguarda il complesso dell’individuo con le proprie peculiarità non riconducibili alla somma delle parti. Al… Leggi altro

  • Il mio primo articolo del blog

    11 novembre 2019 di

    Sii te stesso; tutti gli altri personaggi hanno già un interprete. — Oscar Wilde. Questo è il primo articolo sul mio nuovo blog. Ho appena iniziato a mandare avanti questo nuovo blog, quindi resta sintonizzato per altre informazioni. Abbonati qui sotto per ricevere una notifica quando pubblico nuovi aggiornamenti.

Visualizza tutti gli articoli

Segui il mio blog

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.

Pedagogia delle intelligenze integrate e deuteroapprendimento.

Introdotto già da Ivano Gamelli, il concetto di pedagogia del corpo apre ambiti di riflessione sull’utilizzo delle pratiche tradizionali come lo Yoga per impossessarsi della propria corporalità.

Nell’utilizzo delle discipline orientali l’aspetto meta cognitivo di auto riflessività che riguarda l’istruttore e il praticante, la mentalizzazione, ovvero la capacità di rappresentarsi gli stati mentali l’uno dell’altro, risulta spesso fallace:  la mediazione della parola nell’intendersi durante le pratiche, lascia molto al caso l’effettiva bontà di esecuzione degli esercizi e, se da un punto di vista formale posizioni, posture e coreografie, risultano corrette, nel contenuto emo-cognitivo, gettano il discente in una casualità soggettiva di associazione degli apprendimenti corporei associati alla propriocezione non sempre indovinata.

Penso che l’intersoggettività tra educatore ed educando debba essere una risorsa e per valorizzarla vada posta nella giusta prospettiva.

Si parla spesso di gestione degli stati emotivi, soprattutto nei corsi di auto aiuto o di sviluppo personale, tuttavia è incorretto: se viviamo uno stato emotivo non possiamo gestirlo in quanto lo viviamo e ci troviamo all’interno di esso, più specificatamente, siamo in un pattern emo-cognitivo per certi aspetti limitante, come indicato già da Porges: più ci addentriamo in zone di rischio più è facile raggiungere il limen del panico. Quindi la ricerca* ci dimostra quanto sia facile cadere nei sistemi attacco-fuga e poi nel panico ma in realtà quanto sia difficile risalire verso una pacata, serena razionale visione ordinaria della realtà, quella che siamo abituati ad avere nella zona denominata di Comfort.

zona comfort.jpg

Conosciamo bene i limiti del vivere in Zona Comfort (restringimento dell’area con senso di prostrazione, incapacità di mettersi in gioco, evitamento, etc.)

Il punto fondamentale dell’uscire dalla propria Zona di Comfort è che consente di entrare in quella di rischio (fondamentale per l’uomo primitivo per evolversi) ma che considero da sempre Zona di Apprendimento Continuo.

La Pedagogia del corpo quindi deve muovere dalla soggettività corporea vissuta individuale, dove l’apprendimento propriocettivo permette a ognuno di noi di comprendere le nostre emozioni e i nostri cambiamenti fisiologici associati ad esse.

Una buona metà della popolazione adulta non conosce la propria costituzione emotiva: non sa riconoscere esattamente cosa prova profondamente riguardo il proprio umore, il proprio stato emotivo, i propri sentimenti né i proto sentimenti. È normale che poi costoro non sappiano quello che desiderano effettivamente né come ottenerlo, generando in loro un certo grado di insoddisfazione verso la vita in generale.

L’apprendimento continuo, in questo senso, permette di raggiungere quella opportuna padronanza del Sé, mentre attraversa i differenti stati emotivi, imposti dalla vita o autogenerati senza dissociarsene ma anzi, dominando sé e le situazioni riferenti a se stesso.

Per imparare a conoscere quindi la propria risposta neurofisiologia alla vita e le emozioni come variazioni cromatiche del proprio vivere, utilizzare uno strumento in grado di somministrare le opportune stimolazioni immediatamente, cioè, senza la mediazione intersoggettiva di un istruttore-mediatore, risultò scientificamente più rilevante che non implementare una disciplina soggetta nella sua esecuzione a variazioni continue e dispersioni importanti. (Vibronika* lo strumento)

©

Solo dopo l’esperienza vissuta, con l’utilizzo dello strumento e di protocolli standard, la funzione maieutica è amplificata nella sua funzione di riuscire a riconoscere i singoli stati emotivi provocati (ansia, gioia, aspettativa, sorpresa, etc.) e associarli ad un comportamento fisiologico come la respirazione, il funzionamento del sistema cardiocircolatorio, la tensione corporea e le micro tensioni, la propria temperatura interna ed esterna, l’umore.

Costruire pedagogicamente con il proprio assistito il vocabolario emotivo, gli permette di individuare risorse prima indisponibili, trovare cognitivamente la collocazione di gestalt, ora significative, diventa riconoscersi, individuarsi nel passato, intravedersi nel futuro ma soprattutto percepirsi nel qui e ora.

Ben venga l’evoluzione tecnologica che agevola l’apprendimento e l’autoapprendimento, in quanto ciò che vissuto viene compreso e memorizzato attraverso il sistema limbico viene vissuta come esperienza a valenza positiva e il risultato è maggiore della somma delle parti (dualità emotiva e razionale).

Strumentazione di laboratorio.

Propriocezione, un caso*: Su un centinaio di soggetti sordi dalla nascita (pressoIstituto statale per sordi diRoma, ISSR), sottoposti ad una percezione vibro-tattile su tutto il corpo abbiamo potuto constatare la loro capacità di percepire i suoni con il corpo ma, cosa più interessante, di percepire il corpo con i suoni.

Adagiati su una chaise longue (Vibronika®), la capacità media nella percezione è stata netta nel range di frequenze tra i 20 e 2.000 hz (anche se alcune ricerche sostengono si possa andare oltre). I soggetti dimostravano soddisfazione nel sentire risuonare le varie parti del corpo toccandole e raggiungendo con vocalizzazioni le note o le armoniche che si riferivano alle note prodotte in quel momento. Il sistema dimostrò l’immediatezza nel raggiungere profondamente i volontari innalzando l’attenzione su parti specifiche del corpo senza dare ulteriori istruzioni oltre all’invito di accomodarsi.

Pier Paolo Bottin, 

dottore in Pedagogia, pedagogista ed educatore professionale

(socio A.P.P  Associazione Professioni Pedagogiche n° A18B0001),

dottore in Scienze dell’Educazione, esperto dei processi di formazione nei sistemi organizzativi complessi, ricerca, valutazione e sviluppo delle risorse umane.

Docente di Pedagogia presso Università Telematica Pegaso.

prof.bottin @studiobottin.it

Bibliografia:

Pedagogia del corpo. Educare oltre le parole Ivano Gamelli Editore: Meltemi 16 marzo 2001 Pagine: 168 p. EAN: 9788883530753

Bateson G., Verso un’ecologia della mente, Milano, Adelphi, (1977), ISBN 9788845915352

P. Fonagy e A.W. Bateman, Mechanisms of change in mentalization-based treatment of BPD, in J Clin Psychol, vol. 62, 2006, pp. 411–430

Hegel G. (1807). The Phenomenology of Spirit, translated by A.V. Miller. Oxford: Oxford University Press, 1977 (trad. it.: La fenomenologia dello spirito. Firenze: La Nuova Italia, 1949).

lavell, J. H. (1976). Metacognitive aspects of problem solving. In L. B. Resnick (Ed.), The nature of intelligence (pp. 231–236). Hillsdale, NJ: Erlbaum

Il segreto del fiore d’oro. Un libro di vita cinese– 2 mar 2001 di C. G. Jung, R. Wilhelm  Bollati Boringhieri.

Empathy, Embodiment and Interpersonal Understanding: From Lipps to Schutz Empathy and Interpersonal Understanding DAN ZAHAVI University of Copenhagen, Denmark (12 May 2009)

Edmund Husserl: Idee per una fenomenologia pura e una filosofia fenomenologica (1913), Logica formale e trascendentale (1929), La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale.

Howard Gardner: Aprire le menti. La creatività e i dilemmi dell’educazione, Feltrinelli, Milano, 1991 – Educare al comprendere. Stereotipi infantili e apprendimento scolastico, Feltrinelli, Milano, 1993 – L’educazione delle intelligenze multiple, Anabasi, 1994 –   Educazione e sviluppo della mente. Intelligenze multiple e apprendimento, Edizioni Erickson, 2005 ISBN 9788879468268

Duccio Demetrio Raccontarsi. L’autobiografia come cura di sé Editore: Cortina Raffaello 1996

Porges SW (2010). Die Polyvagal-Theorie: Neurophysiologische Grundlagen der Therapie. Paderborn, Germany: Junfermann Verlag.

Porges SW (2011). The Polyvagal Theory: Neurophysiological Foundations of Emotions, Attachment, Communication, and Self-regulation. New York: WW Norton.

Pier Paolo Bottin, Antonio Caregnato. Pref. Ivano Spano  Vibronika. La nuova pedagogia del corpo *    Editore: OXIO Art Dev Lab. Anno: 2017 Pagine: 160 p., ill. , Brossura EAN: 9788894306903.